Sala di studio

ACCESSO e ATTIVITA' DI SALA STUDIO

L’accesso all’aula di studio è libero e gratuito. Lo studioso è tenuto a compilare una domanda di ammissione, nella quale dovrà indicare i motivi della sua ricerca esibendo un documento d'identità. Al momento dell’ammissione il responsabile di sala studio controllerà e verificherà che i documenti richiesti siano liberamente consultabili, offrendo un’ assistenza qualificata all’utente per poter reperire tutte quelle informazioni e notizie utili per le sue ricerche.
Lo studioso potrà altresì consultare gli inventari, i repertori, gli indici, oppure la Guida Generale degli Archivi di Stato, nella quale sono descritti i vari fondi conservati negli Archivi di Stato Italiani al fine di avere un ampio panorama della documentazione esistente.
L’utente potrà avvalersi del servizio interno di fotoriproduzione compilando l’apposita richiesta , le fotocopie verranno rilasciate dietro pagamento della tariffa prevista. E’ possibile eseguire con mezzi propri fotografie dei documenti, a condizione che vengano depositata copia delle imamgini. In caso di pubblicazione di fac-simili dovrà essere richiesta apposita autorizzazione, secondo le modalità previste dal servizio.
Nella sala di studio è possibile consultare anche i volumi della Biblioteca.

LIMITI ALLA CONSULTABILITA' DEI DOCUMENTI
I documenti conservati negli Archivi di Stato sono liberamente consultabili, a eccezione di quelli dichiarati di carattere riservato ai sensi dell’articolo 122 del D.lgs. 42/2004. Lo studioso tuttavia per motivi di studio potrà richiedere la consultazione dei documenti per i quali non è trascorso il termine previsto, ai sensi dell’art. 123 del D.lgs. 42/2004.

RICERCHE PER CORRISPONDENZA
E’ possibile inoltrare richieste di ricerca per corrispondenza, purché l'oggetto sia ben definito e supportato da informazioni atte a circoscrivere l'indagine. In mancanza di dati puntuali saranno segnalati i fondi e le serie eventualmente utili per una ricerca diretta da condurre in sala studio da parte degli interessati. Le richieste vanno indirizzate per posta o per e-mail a: as-pn@beniculturali.it